il cammino

NUMERO 39 (261 - anno XI) - 17 Novembre 2011



PRENDERSI CURA DI NOI E DELLA NATURA
E' uscito il catalogo dei viaggi a piedi 2012 della Compagnia dei Cammini. Bello fresco, pieno di novità. E' un libretto di 88 pagine, piccolo formato tascabile, lo invieremo gratuitamente a tutti i soci del 2011 e a tutti quelli che ce ne faranno richiesta. In copertina un viandante con lo zaino sulle spalle, che sta coccolando una mucca, è una foto simbolica, il pellegrino si prende cura di un animale, come se si prendesse cura di tutto l'ambiente, di tutta la (dea) Natura, e la Natura è più grande dell'Uomo, come si può facilmente evincere dalla sproporzione tra le due teste. E' una bella foto, fatta da Claudia Costa durante il viaggio Basilicata coast to coast, Claudia vince uno sconto sul suo prossimo viaggio e una maglietta della Compagnia.
Se volete vedere la copertina e scaricare il pdf di tutto il catalogo, andate a questa pagina.
Se invece siete più tradizionalisti, vi piace maneggiare la carta, e tenervi il libretto sul comodino per sognare i prossimi cammini, basta scrivere il vostro indirizzo a info@cammini.eu (se siete soci 2011 non serve scrivere, lo riceverete comunque).
 
 

I LADRI D'ERBA, CAMMINATORI PER FORZA
Marco Aime nel suo nuovo libro "Rubare l'erba" racconta la vita dei pastori conosciuti nella sua infanzia, quando passava le vacanze a Roaschia dai nonni e Roaschia a quel tempo era il posto dei pastori. Non è ortodosso, il coinvolgimento emotivo in uno studio antropologico, ma in questo caso il risultato è affasciante, a metà tra una ricerca e un racconto poetico.
Quando il giovane Marco era bambino e non voleva mangiare, i nonni gli dicevano "Dovresti andare un po' con i pastori, vedi che impareresti!". Perchè la vita dei pastori era dura, sempre a viaggiare, dal paese scendevano nelle Langhe, nel Monferrato fino alla pianura dalle parti di Piacenza, per "rubare l'erba" di altri, sempre stranieri e sempre visti come invasori. E questi pastori sono uguali a tanti altri, i pastori abruzzesi in cammino verso la Puglia non erano molto diversi.
I pastori sono camminatori per forza. Perchè le pecore non hanno erba tutto l'anno negli stessi posti, i pastori si devono spostare e lo sanno fare: "uno dei saperi del pastore, che tu non sai: conoscere la strada, trovarla sempre".
Il vecchio Toni, che racconta la sua vita ad Aime, racconta i pastori come persone di cui gli stanziali (i contadini, gli "uvernenc") sospettavano, dice "Noi pastori eravamo sempre dalla parte del torto, perchè rubavamo l'erba". Nelle sue parole c'è rassegnazione, la rassegnazione di chi sa di dover subire per forza qualche discriminazione, qualche insulto. I pastori si sentivano fratelli con gli zingari. Venivano chiamati i "gratta" dai contadini.
"Si cercava di passare nei posti non troppo affollati, di nascondersi un po', sempre in colpa, sempre dalla parte del torto, lungo strade poco battute dove, magari, incontravi altri come te. Altri con le pecore, altri che venivano dalla montagna, altri che andavano". Dal libro di Aime esce la nostalgia per i pastori erranti, erano brava gente che sopravviveva alla povertà senza aspettarsi altro dalla vita.
Libro consigliato a tutti quelli che vogliono camminare sulle tracce dei pastori, nelle valli piemontesi, ma anche sui tratturi d'Abruzzo o nei supramonti sardi.
Abbiamo intervistato Marco Aime in esclusiva per voi, ci ha parlato anche di turismo responsabile, di cui è esperto, leggete l'intervista qui.
Marco Aime, "Rubare l'erba", Ponte alle Grazie, 2011, 12 euro
 
 

CAMMINARE PER UNIRE
Il camminare è sempre di più un mezzo di comunicazione sociale, un mezzo di protesta, un mezzo per unire, non solo idealmente, ma anche fisicamente, persone, ideali, gruppi. Da Nizza, sede del G20, un manipolo di indignados europei è partito a piedi per Roma e poi per Atene, per portare solidarietà ai due popoli che in questo momento se la vedono brutta, per sostenere i popoli in lotta. Popoli che, aggiungiamo noi, hanno grandi opportunità di rinascita, in questo momento. La loro iniziativa si chiama March to Athens, in questo momento sono in Liguria, potete seguire il loro blog o unirvi a loro quando passano vicino a casa vostra: www.marchtoathens.tk. Arriveranno a Roma il 15 gennaio, e poi a primavera a Atene. In ogni luogo dove si fermano montano le tende in una piazza del centro, e la sera organizzano una "assemblea popolare" aperta a tutti, di cui viene riportato verbale fedele.
Similmente in Italia il gruppo di scrittori della Tribù d'Italia, dopo il bel successo dell'anno scorso, l'iniziativa denominata Camminacammina (a piedi a Milano a Napoli), sta lavorando a un progetto molto ambizioso per il 2012. Si chiama Stella d'Italia, sono quattro camminate che partono da punti diversi della penisola (Calabria, Puglia, Liguria, Veneto) per convergere su L'Aquila lo stesso giorno, a luglio 2012. Nello spirito dell'iniziativa dell'anno precedente, saranno camminate aperte a tutti, ci si può unire per un solo giorno o per quanto si vuole. Ecco come viene presentato l'evento: "L'Italia è tramortita. L'Italia ha bisogno di risorgere. Ha bisogno di tirare fuori dalla sua testa, dalla sua pancia e dal suo cuore le energie che pure conserva dentro di sé e che - come è successo altre volte in passato - possono farla risorgere. C'è bisogno di gesti, individuali e collettivi, che diano una spinta verso questa rigenerazione. C'è bisogno di unire sentimento e visione. C'è bisogno di mettere al mondo e rendere visibile questa urgente necessità e questo desiderio diffuso attraverso gesti significativi e prefiguranti da compiere insieme".
L'organizzazione è al lavoro, chi vuole dare una mano è bene accetto, vi terremo informati degli sviluppi.
 
 

RISTORANTI SOLIDALI
In questi giorni è girata la notizia che il cantante rock Bon Jovi ha aperto un ristorante. Si chiama Soul Kitchen, ed è a Red Bank, nel New Jersey. Si tratta di un community restaurant, concepito come un vero e proprio luogo di incontro, in cui si trova cibo sano e di qualità, cosa molto difficile per molte famiglie americane colpite dalla crisi. Un ristorante senza prezzi sul menù dove sono i clienti che lasciano la donazione per il proprio pasto in base a quanto si possono permettere e se qualcuno non riesce a donare soldi, può fare volontariato in cambio del pasto della propria famiglia. Insomma, un ristorante con la filosofia del "donativo" che i camminatori verso Santiago conoscono bene. Siamo allora andati a vedere se in Italia ci sono casi del genere, e Giovanni Balzaretti ci è venuto in aiuto, segnalandoci che c'è un luogo sulle colline bolognesi che applica questa filosofia solidale. Si chiama Cà Shin, ed è al Parco Cavaioni di Bologna, all'inizio del Cammino degli Dei. Sul sito ancora non se ne parla, ma la responsabile di Cà Shin Francesca Lenzi mi risponde che da un mese hanno iniziato una serata a settimana (di solito il giovedì), si chiama "Cena del pellegrino viandante"
In questa serata la cena è una degustazione di sapori dell'orto e piatti scelti da loro... "A fine cena deciderai tu quanto sarà valsa la pena venire a trovarci e pagherai ciò che ritieni giusto per il cibo che ti offriamo. Prenotazione obbligatoria"
Bravo Bon Jovi e bravi Cà Shin, ci auguriamo che idee come queste proliferino, amici che volete cambiare il mondo, ecco un'idea per voi, vorremmo veder nascere idee così in ogni luogo. E se conoscete espererienze simili, fatecele sapere, faremo girare la notizia.
 
 

NOVITA' PER CAPODANNO
Per rispondere alle vostre richieste, siccome i viaggi di Capodanno della Compagnia dei Cammini sono quasi tutti esauriti, abbiamo preparato un viaggio last minute, Roberta Ferraris ha costruito una bellissima proposta nelle Alte Langhe, dal 28 dicembre al 1 gennaio.
Un viaggio breve, ma inteso, con base fissa in un bell'agriturismo, e a seconda del clima belle passeggiate con o senza ciaspole nelle stradine di campagna della valle del Belbo, tra dolci pendii, il Belbo è poco più di un ruscello che serpeggia tra i campi: la minuscola frazione di S. Giovanni Belbo è uno dei luoghi più appartati e lontano dal clamore dei festeggiamenti. Se nevica, il silenzio è totale, il cielo di notte, buio assoluto o splendore di luna, che a Capodanno sarà al suo primo quarto. I paesi vicini, Mombarcaro, Saliceto, Sale S. Giovanni, sono appena al di là del crinale, invisibili. Si raggiungono però facilmente a piedi attraversando i boschi più belli delle Langhe, dove i faggi lasciano intendere che l'Appennino è prossimo. Ma è anche un viaggio eno-bastronomico si visitano i caseifici, si assaggiano i preziosi formaggi locali, e poi a cena gli inesauribili antipasti langaroli, i ravioli al plin e i tajarin.
Roberta Ferraris vive in una cascina lì vicino, chi meglio di lei, scrittrice che ha fatto la scelta di andare a vivere in campagna, può accompagnarvi e raccontarvi storie sulle Langhe?
I posti disponibili sono 14, ecco la scheda con tutti i dettagli e le info per iscriversi.
 
 

VIAGGI A PIEDI COMPAGNIA DEI CAMMINI: DISPONIBILITA' POSTI AL 17 NOVEMBRE

27 Dic-7 Genn:   CAPODANNO IN MAROCCO ** guida Said Zarrouk 1 posto vedi scheda
27 Dic-4 Genn:   CAPODANNO DA ERICE A CASTELLAMARE (SICILIA) ** guida Nanni Di Falco 1 posto vedi scheda
28 Dic-1 Genn:   CAPODANNO IN ALTA LANGA (PIEMONTE) ** guida Roberta Ferraris 12 posti vedi scheda
28 Dic-1 Genn:   CAPODANNO DA ORSI E DA LUPI (ABRUZZO) ** viaggio Deep Walking guida Luca Gianotti 1 posto vedi scheda
28 Dic-8 Genn:   CAPODANNO IN MAROCCO secondo gruppo ** guida Hussine e accompagnatrice Sabina Broggini  1 posto vedi scheda
29 Dic-4 Genn:   CAPODANNO TRA I GRECI DI CALABRIA ** guida Andrea Laurenzano 12 posti vedi scheda
12-19 Febbraio:  LA MAGICA VALLE DEL DRAA (MAROCCO) ** guida Said Zarrouk 14 posti vedi scheda
18-25 Febbraio:  SICANI, LA SICILIA PIU' NASCOSTA E VERA * guida Nanni Di Falco 12 posti vedi scheda
 
 

IL  CAMMINO  E  LO  SPAZIO  INTERIORE

Solitudine.
E' la lotta per arrivare allo spazio interiore.
Quello che conta davvero.
Quello da cui partire,
per osare l'avventura dell'Amore.

Definisco spazio interiore
quella dimensione malinconica
che in noi percepisce
il mistero della vita e della morte.
E' la nostra religiosità spontanea.
E' un qualcosa che sta a monte
dell'empatia con l'altro.
E' il nostro essere Universo.

Il cammino dilata la possibilità
di coltivare il mio spazio interiore.
Lì, sensorialità e spiritualità
trovano sintesi..
Nel passo dopo passo,
sento la terra e il cielo
costruirmi dentro.
La Natura entra ed esce da me.
Nel ritmico pulsare
del Respiro Cosmico.

Guido Ulula alla Luna
 

STEFANO BECI ENTRA NELLA COMPAGNIA
... e si presenta:
"Sono romano, 49 anni. Dopo tanti anni vissuti nelle terre Etrusche intorno al Lago di Bracciano, da anni vivo tra il Valdarno e il Casentino aretino. Per "caso" ho preso in gestione il rifugio Casanova nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. Un rifugio è un riparo, un luogo pronto ad accoglierti, spesso dopo una camminata di molte ore. Qui ha trovato un senso la mia esperienza di camminatore, di curioso ascoltatore della storia della gente di montagna.
Mi piacciono le terre di confine, come l'Appennino Tosco Romagnolo, dove senti l'arrivo del nuovo e avverti l'odore di quello che sta scomparendo. Mi piacerebbe condividere anche la mia passione per la meditazione camminata che mi ha offerto la possibilità di vivere la natura come momento presente e non come meta da raggiungere".
Nel 2012 accompagnerà per la Compagnia dei Cammini due viaggi, uno nelle Foreste Sacre (le foreste casentinesi) e uno da Siena al mare attraversando la Maremma, due viaggi per scoprire la Toscana più vera e meno turistica, a caccia di incontri arricchenti con chi vive quei luoghi e ha fatto scelte di vita differenti.
 

RASSEGNA STAMPA
Vi segnaliamo un paio di articoli in cui si parla di noi. Il sito Wise Society (società saggia) è un sito internet interessante e originale: vi sono raccolte decine e decine di interviste a persone che rappresentano secondo le parole della loro mission "le storie di grandi e piccoli protagonisti della nostra epoca accomunati dal desiderio di migliorare la qualità della vita, secondo una filosofia che rimetta al centro l'uomo e il suo benessere. Storie positive di persone che credono che parole come rispetto, altruismo e condivisione siano valori fondamentali per progettare un futuro migliore".
Vi segnaliamo una lunga intervista a uno di noi, Luca Gianotti, dal titolo Lo zen e l'arte di camminare.
E' poi uscito sul numero di Settembre Ottobre 2011 della Rivista del Club Alpino Italiano un articolo di 7 pagine in cui Luca Gianotti racconta il CamminaCreta, con foto di Matteo Nobili. Si intitola "Attraverso terra e mare", ecco il pdf
 

*** Appuntamenti nella natura e nel naturale ***
 

APPUNTAMENTO SUL CAMMINARE DA NON PERDERE A ROMA
Sabato 10 dicembre alle ore 16 al Palazzo dei Congressi di Roma (EUR) incontro sul tema "Camminare è un'arte" con Davide Sapienza e Luca Gianotti a Più libri più liberi. Nell'ambito della fiera della piccola e media editoria "Più libri più liberi", una fiera per chi ama i libri, e per chi vuole acquistare regali di Natale intelligenti, la casa editrice Ediciclo organizza l'incontro "Camminare è un'arte" con Luca Gianotti, autore de "L'arte del camminare", e Davide Sapienza, autore de "La musica della neve". Condurrà l'evento il giornalista di Cultbook Stas Gawronski.
 

SETTIMANA DEL NON ACQUISTO
Dal 21 al 26 novembre Bilanci di Giustizia ci invita a partecipare alla "settimana del non acquisto": "alla fine della settimana una bella cena creativa con gli Avanzi! Magari invitando anche amici che hanno provato con voi la Settimana del Non Acquisto! Un'occasione per svuotare le credenze di tutti i rimasugli...". L'iniziativa è internazionale, per promuovere le alternative al consumismo. Il "Buy nothing Day" sarà il 26 novembre, chi non se la sente di tentare la settimana provi almeno il giorno singolo.
 

LATOUCHE A BUROLO (TORINO)
In provincia di Torino, a Burolo, sta nascendo la Scuola Permanente della Decrescita. Burolo è vicino a Ivrea, ed è sulla Via Francigena. Qui ha sede un Villaggio Solidale, vi segnaliamo che venerdì 9 dicembre alle ore 18 ci sarà un incontro con Serge Latouche dal titolo "Oltre la crisi: dono e solidarietà per una società di decrescita". Seguirà, per chi vuole, cena di presentazione del Villaggio. Per info e prenotare la cena: 349 5238908 e scuolapermanente@decrescita.it
 

CORSO CLOWNTERAPIA A TRENTO
Si terrà a Trento un corso di clownterapia tra il 3 e il 18 dicembre. Si tratta di un primo corso di preparazione al volontariato clown, un corso che è ben strutturato "dentro e fuori", per permettere di essere motivati nel modo giusto interiormente e di aquisire maggiori capacità espressive "fuori". Docenti sono Patrizia Serblin e Ginevra Sanguigno, collaboratrice di Patch Adams.
Informazioni: lupo3lupis@gmail.com
 
 

*** lettere ***

Ciao camminatori,
ho qualche anno sulle spalle e
molte strade e sentieri sono stati percorsi dalle mie gambe.
Vi seguo e leggo da molti anni, siete veramemente un riferimento importante culturalmente, le vostre riflessioni spesso sono anche le mie, sono contento che ci siano persone come voi, che alimentano la speranza di un cambiamento!!!!!
però per vari motivi non ho mai partecipato a un vostro cammino.
Mi permetto di inviarvi una mia modesta riflessione:

Il cammino
Viandanti in cerca di niente
pronti a cogliere il presente

Valerio
 

REGALA IL CAMMINARE
Hai un amico o una amica che vorresti avvicinare al camminare? a Natale regala il libro "L'arte del camminare" di Luca Gianotti (se lo acquisti qui puoi avere il libro con dedica personalizzata).

Hai un amico o una amica con cui vorresti condividere le vacanze, perchè ti sta molto a cuore? a Natale regala un viaggio con la Compagnia dei Cammini (o un buono sconto del valore che vuoi tu, spendibile su un viaggio a scelta, il coupon-biglietto di auguri personalizzato lo prepariamo noi, scrivici).

 

IL VIDEO FINALE
Vi voglio presentare una persona speciale. Si chiama Roberto Li Calzi, produttore di arance biologiche, ora "genuino clandestino" grazie alla certificazione dovuta alla relazione, divulgatore dell'Economia del noi, Roberto merita di essere conosciuto, per ora vi consiglio di guardare questo video e di comprare le sue arance attraverso un gruppo di acquisto solidale, ma in futuro, se il mio sogno si realizza, vorrei organizzare un viaggio in Sicilia in cui il camminatore Li Calzi accompagna a piedi i gruppi a conoscere l'economia solidale e le galline felici della sua isola, Siqillyah.

video Roberto Li Calzi e le Galline felici


 

La Compagnia dei Cammini è su Facebook all'indirizzo www.facebook.com/compagniadeicammini.
La Compagnia dei Cammini ha 3963 amici e piace a 1994 persone.
Ricordiamo anche gli altri recapiti:
web: www.cammini.eu
mail: info@cammini.eu
telefono segreteria (Feltre - BL) Maurizio Russo 0439 026029
(da lunedì a venerdì, ore 9.00 - 13.00 e 14.00 - 18.00)

Direzione, redazione e copyleft: Luca Gianotti Con il contributo di: Stephane Wittenberg, Guido Ulula alla Luna
--------------------------------------------------------------------------------
 
A norma del D.Lgs 196/2003 abbiamo reperito la tua e-mail direttamente da un messaggio che ci avevi precedentemente inviato, su tua esplicita comunicazione, navigando in rete o da un messaggio che ha reso pubblico il tuo indirizzo di posta elettronica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendessi ricevere ulteriori comunicazioni, ti preghiamo di inviare una e-mail a luca@camminoprofondo.it con in oggetto il messaggio: "Mi si espunga"; oppure è possibile cancellarsi da soli seguendo le istruzioni dal link qui sotto. Grazie.

Per iscriversi o cancellarsi dalla nostra newsletter:
www.deepwalking.org/cammino/subscribe.htm

Gli archivi del CamminareInforma e del Cammino li trovate qui:
http://www.deepwalking.org/ilcammino.php

PER SCRIVERCI
luca@camminoprofondo.it


AMICI:

Compagnia dei Cammini Scarpa Flora

 

il Movimento Lento Cammino profondo CamminaCreta

 

Ediciclo editore Casale le Crete Pace