il cammino

NUMERO 43 (265 - anno XII) - 13 gennaio 2012



DODICESIMO ANNO: OPERAZIONE RADDOPPIO
Questa piccola lettera, che parla di camminare, ma non solo, esce regolarmente ogni due settimane da undici anni. Entriamo quindi nel dodicesimo anno di vita. L'ho creata per esprimere la mia passione per il camminare, per diffondere la passione del camminare in Italia, si chiamava Camminareinforma a quel tempo, l'ho redatta sempre io, che sono Luca Gianotti, avvalendomi di tanto in tanto di testi scritti da collaboratori esterni, l'ho messa a disposizione della Boscaglia prima, e della Compagnia dei Cammini ora. E' cresciuta tanto, nei contenuti. Perché è cresciuta la cultura del camminare in Italia. E' cresciuto anche il numero di lettori, anche se due anni fa, con i conflitti dentro Boscaglia e il fallimento di questa esperienza, abbiamo perso qualche migliaio di lettori. Ma ci siamo rimboccati le maniche, abbiamo lavorato molto in questi due anni, e ora i lettori sono di nuovo quasi 18.000. Ma sono ancora pochi. Dovrebbero essere 50mila, 100mila, per far diventare il movimento dei camminatori un movimento importante. Per far crescere questa cultura, vi chiediamo quindi, in occasione del nostro undicesimo compleanno, di aiutarci a fare di questa lettera sul camminare uno strumento di comunicazione nuovo, più forte e potente. Noi cambieremo la grafica. Perché per undici anni questa grafica semplice, volutamente povera, come fosse scritta con le vecchie macchine da scrivere, è stata efficace, ma è ora di cambiare, dopo undici anni, ci siamo un po' stancati... E sarete voi lettori a scegliere la nuova grafica. Perciò sul prossimo numero vi presenteremo tre opzioni, e la possibilità di votare.
Ma vi chiediamo una cosa molto più importante. Se ognuno di voi portasse anche solo uno-due nuovi lettori, pensate che possibilità di comunicazione maggiore avremmo! Noi continueremo a mandarvi questo notiziario gratuitamente, dedicando tempo e passione a scriverlo per voi.
Ma voi provate a pensare a qualche amico, un giovane ragazzo che si avvicina all'età adulta, un parente, un genitore, una persona che da poco è andata in pensione e alla quale il camminare potrebbe cambiare la vita, un amico o un'amica pigrissimi, ma che hanno bisogno di vedere cose diverse, persone sfiduciate che hanno bisogno di credere in qualcosa, di vedere che un altro mondo è possibile, e non è poi così difficile: individuate le persone, e mandateci i loro indirizzi mail a luca@camminoprofondo.it . Magari avvertendoli che stanno per ricevere l'invito ad accettare l'iscrizione. Perchè l'iscrizione avverrà solo se la persona accetterà l'invito. Ci auguriamo di iniziare il prossimo numero raccontandovi quanti nuovi lettori sono arrivati!
 
 

FARE PACE CON SE STESSI
Questo libro non parla di camminare, ma parla ai camminatori. Parla soprattutto del nostro cammino interiore. Thich Nhat Hanh è il maestro zen che più di ogni altro ha messo al centro del percorso spirituale di ognuno il camminare. Per questo ogni camminatore dovrebbe ascoltarlo con attenzione. Questo libro parla di guarire le ferite e il dolore dell'infanzia, trasformandoli in forza e consapevolezza. Parla di come trasformare la sofferenza, riconciliarsi, prendersi cura delle proprie emozioni e trovare energia nella presenza mentale.
Ecco un piccolo estratto:
"Ognuno è capace di inspirare e di celebrare la vita con ogni inspirazione, ma c'è qualcosa che ostacola il nostro cammino. Quando camminiamo, ogni passo può aiutarci a essere in contatto con le meraviglie della vita presenti qui e ora. Sappiamo che ci sono la primavera, il sole, la vita e i fiori che ci sorridono. In teoria dovremmo essere in grado di stabilire un contatto con queste meraviglie per essere nutriti e guariti. Ma qualcosa ostacola il nostro cammino e ci impedisce di essere felici e a nostro agio. Abbiamo perso il sorriso.
Tuttavia possiamo ritrovarlo. Ogni passo in contatto con la vita e le sue meraviglie ne è una celebrazione. Camminando in questo modo, camminiamo in libertà, libertà da sofferenza, paura e disperazione. Tale libertà è il fondamento della nostra felicità. Quando camminiamo, camminiamo da persone libere. E quando siamo liberi, siamo in contatto con le meraviglie della vita che ci guariscono e nutrono."
Per chi non conosce il maestro Thich Nhat Hanh, ecco il suo sito italiano: esserepace.org
Thich Nhat Hanh, "Fare pace con se stessi", Terra Nuova Edizioni, 2011, 14 euro
 
 

COLLABORARE
Che bello potercela fare da soli!
Contare sulle proprie forze.
L'indipendenza.
Il mito dell'indipendenza.
Siamo stati la civiltà dell'individualismo.
Teorizzandolo.
Pubblicizzandolo.
Svalorizzando ogni debolezza o dipendenza.
Il nemico era il "comunismo".
Ancor prima di una teoria economica o politica,
si è odiata l'idea stessa di dover mettere in comune.
La mia auto. La mia casa. La mia famiglia.
Il non farcela da soli come sinonimo di fallimento.
Chiedere aiuto? Una vera umiliazione.
Giusto i pochi cattolici non ipocriti e qualche sparuto utopista
si sottraeva a questo diktat identitario della società dei consumi.

Ma ora c'è LA CRISI.
Non è più una previsione dei soliti catastrofisti.
Un minaccioso presagio, a cui, per sottrarsi,
basta nascondere per un po' la testa sotto la sabbia.
"La bufera passerà, basta pazientare. Poi la crescita riprenderà."
"Il progresso non può fermarsi. Il benessere raggiunto può solo migliorare."
Pare non sia così.
Ci stiamo accorgendo che non è così
Il petrolio, simbolo supremo, comincia a scarseggiare.
Per tanti il lavoro è un miraggio.
Altri l'hanno perso o temono di perderlo.
Il dio denaro non si moltiplica più come desidereremmo.
L'ambiente osa ribellarsi al nostro sfruttamento.
Non ci sono ricette ottimistiche.
Si parla solo di sacrifici.
Non ci sono analisi chiare dei perché,
quindi non si intravedono facili strategie per uscirne.

La crisi va accettata. Va compresa a fondo.
Dovremo metterci tempo e fatica.
Perché è la crisi stessa del nostro modello di sviluppo,
dei nostri paradigmi culturali di riferimento.
Quelli che ci hanno dato le incrollabili certezze.
Dichiarare la crisi è il primo vero passo per uscirne.
Per prepararsi al cambiamento.
Necessario, non più eludibile, vero.
Il mondo nuovo non sarà più quello che conosciamo.
Affrontare il diverso ci spaventa.
Ma non possiamo fare altrimenti.
O guardiamo con occhi nuovi al futuro o,
arroccandoci nel passato, non faremo che prolungare l'agonia.
Abbiamo bisogno di coraggio e curiosità per iniziare nuovi percorsi.

Il problema principale è uscire da sfiducia e rassegnazione.
Ma specialmente dall'isolamento.
Il sentirci soli ci convince dell'inutilità dei nostri sforzi.
Speriamo forse ci sia qualcuno con la bacchetta magica
che miracolosamente ci levi le castagne dal fuoco?
Ma nessuno sa con chiarezza che fare.
Abbiamo ancora dubbi al riguardo?

La parte più sana del nostro essere mammiferi si basa sulla capacità empatica.
Metterci nei panni dell'altro è il presupposto per riaprirci alla fiducia reciproca.
Per immaginare un nuovo stile di vita serve lo sforzo di tante menti.
Per poter resistere all'emergere di disagi materiali finora imprevedibili,
occorre ripensare a concrete modalità solidaristiche.
Che noi lo vogliamo o no,
rendiamoci conto con urgenza
che per non cadere in disperazione
ed ipotizzare una via d'uscita innovativa alla crisi,
dobbiamo tornare a credere nell'utilità di
COLLABORARE.

Guido    Ulula alla Luna
 
 

CINGUETTII DAI CAPODANNI

Buon anno a tutti!
Vi volevo dire che il Capodanno qui in Abruzzo è andato bene, il gruppo era molto in sintonia ed entusiasta, abbiamo avuto 4 giorni di bel tempo, tre giorni abbiamo camminato sulla neve, anche se poca, comunque bella. Il quarto giorno camminata con gli asinelli dal Casale Le Crete a portar la buona novella dell'anno nuovo al paese. Abbiamo mangiato benissimo tutte e quattro le sere. Questo ha favorito l'integrazione e la gioia del gruppo. E l'incidente a Mara, una camminatrice che si è rotta un braccio, non ha inciso, lei ha comunque camminato con noi per 2 giorni con il braccio ingessato.
Un caro saluto
Luca
###
Buon anno a tutti voi,
anche il Capodanno in Langa è andato bene, con tanto sole, buon cibo e un bel gruppo. E tutto questo nonostante le difficoltà incontrate nell'organizzazione di questo viaggio e i modi un po' ruvidi del gestore dell'azienda agrituristica, comunque molto apprezzato per la sua genuinità. Ma, oltre a camminare, abbiamo fatto varie esperienze: abbiamo incontrato un discreto numero di animali domestici, tra cui asini, cavalli, pecore, vacche e buoi. Alcuni di noi hanno provato a mungere una vacca, con un certo successo. Abbiamo incontrato un "trifolao" vero, che ci ha fatto anche annusare i suoi tartufi (e per questa volta ci siamo accontentati). Abbiamo visitato cappelle campestri con affreschi gotici e abbiamo riposato all'interno di una piramide di legno e vetro, modernissimo vanto del paese di Sale S. Giovanni. La neve l'abbiamo vista solo da lontano, sulle Alpi, ma è stato bello anche così.
Un saluto dalle Langhe
Roberta
###
Qui Sicilia... è andato tutto bene, sono appena rientrato ed ho ancora tutti i sensi pieni della bella e intensa esperienza in uno dei luoghi più affascinanti della Sicilia, il parco dello Zingaro... Il clima ci ha graziato, dopotutto, anzi, è stato l'alleato in più perché ci ha accompagnato donandoci un vero e proprio caleidoscopio di luci diverse con cui gustare i paesaggi, il mare e il calore del sole hanno fatto il resto... vorrei segnalare una piccola novità, hanno riaperto e ristrutturato la Tonnara di Scopello, era chiusa da anni ed io non ero mai entrato nella casa padronale... ecco, una chicca ed un motivo in più per gustarsi la Sicilia...
Nanni Di Falco

###
Vi leggo seduto di fronte a un bar di Velletri, al secondo giorno lungo la Francigena del sud. Grande percorso, penso che il viaggio di Raffaele diventera' uno dei piu' gettonati, e gli sto preparando il terreno con l'ente turistico locale, che sto convertendo al culto dell'asino come nuova frontiera del 'movimento lento'.
Buon anno a tutti,
Alberto Conte
###
Felice rientro a tutti, vi scrivo da Marrakech dove aspetto che anche Sabina rientri col suo gruppo, mentre il primo è già ripartito molto soddisfatto dell'esperienza nel Sahara. Anche noi abbiamo avuto un collettivo unito e motivato che ha legato benissimo con gli uomini del deserto. Erano quasi tutti camminatori esperti e ci sono stati contributi individuali preziosi come quello di Barbara, naturalista della Lipu, che ha catalogato in esclusiva per noi tutti gli avvistamenti di avifauna locale.
Marina e Said
###
Il deserto, sia esso di sabbia, roccia, terra, sassi e fossili, lascia sempre un'impronta sul volto e nell'anima di chi lo percorre a piedi. E' successo anche in questo viaggio. Accompagnati da dieci dromedari ed una fantastica squadra di "uomini del deserto", il gruppo si è conosciuto e "riconosciuto" nelle emozioni condivise di fronte agli orizzonti illuminati da albe e tramonti, di fronte ai silenzi e alle forme del deserto, di fronte ai suoni dei tamburi e dei canti del deserto. Ma anche nella condivisione della fatica e dell'adattamento ad un cammino che tralascia ogni cosa superflua e offre "soltanto" l'essenziale, lasciando spazio all'incontro con se stesso e con l'altro.
Sabina
###
Buongiorno e buon anno, per quanto mi riguarda son "contento" che il mio viaggio non sia partito in quanto dal 27 dicembre abbiamo la piccola Alice in ospedale. Solo da questa mattina ci hanno dato delle notizie rassicuranti. Comunque fin quando tutto finisce bene ci facciamo "passare" anche l'arrivo del nuovo anno in una triste stanza d' ospedale. Auguri a tutti.
Andrea
 
 

RASSEGNA STAMPA SULL'ARTE DEL CAMMINARE
Prosegue al di là di ogni aspettativa l'interessa dei lettori e dei media per il libro di Luca Gianotti "L'arte del camminare", arrivato alla prima ristampa dopo solo pochi mesi dall'uscita, e stabilmente da mesi tra i libri più venduti della categoria "Escursionismo e camminate" di Amazon, per fare un esempio. Vi segnaliamo qualche articolo interessante: Luca Gianotti è stato intervistato per raccontare la sua esperienza sulle riviste Vivi Consapevole e BioEcoGeo. Nella rivista AAM TerraNuova, invece, potete trovare un estratto del libro, dal titolo "Camminare come cura".
 

MISTERI DELL'APPENNINO
Le edizioni Il Lupo hanno da poco pubblicato un libro originale, dal sottotitolo "sette racconti e sette escursioni tra i misteri della catena appenninica".
Il Lago della Duchessa è un piccolo laghetto di montagna, a circa 1800 metri di quota, nel massiccio del Velino, sotto il Murolungo, e l'escursione che vi arriva da Cartore, per il vallone di Fua, è una delle più belle della zona. Ma il Lago della Duchessa è famoso per un altro motivo, per un mistero della storia d'Italia recente, il caso Moro. Tutti ricordano il falso comunicato numero sette attribuito alle Brigate Rosse, dove si diceva che Moro era morto ed era stato gettato nel lago. Il lago fu scandagliato, questo distolse l'attenzione per alcuni giorni dai temi del rapimento, fino a scoprire che era un falso. Ma l'autore della ricostruzione, Alberto Sciampliciotti, si chiede come sia possibile che le forze dell'ordine abbiano creduto a quella bufala, come avrebbero potuto i brigatisti portare un cadavere a 1800 metri per un sentiero molto ripido, e buttarlo in un lago gelato? Dietro questa storia c'è un falsario appartenuto alla Banda della Magliana, Tony Chichiarelli, guarda caso originario proprio di quei luoghi, ma chi lo incaricò di questo depistaggio? Servizi segreti, parti della Democrazia Cristiana che volevano far arrivare messaggi alle BR, insomma il mistero non è ancora risolto, ma l'approfondimento è credibile e l'escursione merita di essere fatta. E' sicuramente il mistero più interessante, ma anche altri lo sono.
Sempre Sciampliciotti ci porta anche al Lago Di Rascino, a pochi chilometri dall'altro lago, dove fu ucciso dalle forze dell'ordine, in quella che molti pensano sia stata un'esecuzione, un terrorista di destra legato a Gladio, qui ucciso due giorni dopo la strage di Piazza della Loggia a Brescia perché ritenuto l'esecutore (poi parzialmente scagionato). Sapeva troppo?
L'escursione al Rifugio Sebastiani sotto il Velino, invece, è un racconto sulle paure della notte, del dormire in posti selvaggi.
Del Monte Soratte, vicino a Roma, si racconta la costruzione del mega bunker che fu scavato nelle sue viscere durante il fascismo.
Concludono il libro i misteri del furto della salma di Celestino V e due leggende dell'appennino tosco emiliano.
Ogni racconto, ogni ricostruzione storica, è accompagnata da una scheda escursionistica per organizzare la propria camminata sui luoghi della memoria.
Chissà che in futuro il camminare diventi anche un modo per approfondire la storia recente, la cronaca, guardando con occhi diversi i luoghi che di solito si vedono a due dimensioni in televisione? Già lo stanno facendo in alcuni, ricordiamo Wu Ming 2 e il suo camminare da Bologna a Firenze per capire (e rifiutare) la TAV, ricordiamo il collettivo di architetti Stalker e le loro incursioni a piedi nelle aree degradate delle città, e poi Camminacamina e Brizzi, in cammino per capire se questa Italia l'è unita o no...
AaVv, "Misteri e segreti dell'Appennino", Il Lupo, 2011, 10 euro
 

VIAGGI A PIEDI COMPAGNIA DEI CAMMINI: DISPONIBILITA' POSTI AL 13 GENNAIO
12-19 Febbraio:  LA MAGICA VALLE DEL DRAA (MAROCCO) ** guida Said Zarrouk 2 posti vedi scheda
18-25 Febbraio:  SICANI, LA SICILIA PIU' NASCOSTA E VERA * guida Nanni Di Falco 7 posti vedi scheda
4-10 Marzo:  LA NOSTRA VIA ROMEA DA VITERBO A ROMA: CONCERTO IN CAMMINO ** guida Luca Gianotti, suoni di Ori 8 posti vedi scheda
14-18 Marzo:  CAPRI L'ISOLA DELLE SIRENE (CAMPANIA) * guida Alberto Liberati 11 posti vedi scheda
17-24 Marzo:  DA LUCCA A SIENA PER LA VIA FRANCIGENA * guida Roberta Ferraris 3 posti vedi scheda
17-25 Marzo:  PRIMAVERA ALLO ZINGARO (SICILIA) ** guida Nanni Di Falco 10 posti vedi scheda
25 Marzo-1 Aprile: IL SENTIERO DELL'INGLESE CON GLI ASINI IN ASPROMONTE (CALABRIA) ** guida Andrea Laurenzano 12 posti vedi scheda
31 Marzo-9 Aprile: SARDEGNA SELVAGGIA E BLU ** guida Luca Gianotti 12 posti vedi scheda
 

La Compagnia dei Cammini si scusa con tutti gli interessati ai viaggi in Marocco, per aver indotto a credere che il volo del viaggio nella valle del Draa di febbraio fosse a fine dicembre a costo molto basso (50 euro), mentre era in quel momento già molto più alto (circa 300 euro). Purtroppo le fluttuazioni dei prezzi dei voli sono continue, e non riusciamo a starci dietro (non abbiamo nessuno strumento di contrattazione, e non vogliamo averlo). Per cui in futuro non ripeteremo più l'errore, consigliamo a tutti di tenersi sempre aggiornati sui costi dei voli utilizzando il sito internet che riteniamo migliore per questo servizio: Skyscanner
 

DIARIO DAL CAMMINO DI CRETA
Matteo Nobili e Chiara Mossetti condividono il loro diario di viaggio sul Cammino di Creta, Matteo è fotografo, per cui non perdetevi le bellissime foto e il suo racconto di un tratto di 14 giorni lungo il CamminaCreta: ecco il diario
 

*** Appuntamenti nella natura e nel naturale ***

ANTICIPAZIONE FESTIVAL DEL CAMMINARE A BOLZANO
Se siete camminatori curiosi e attenti all'evoluzione del mondo del camminare, tenetevi liberi dal 20 al 22 aprile. E cominciate a pensare a come raggiungere Bolzano, dove si terrà la prima edizione del Festival del camminare organizzata dal Comune, che ha dato a Luca Gianotti l'incarico di direttore artistico del festival stesso.
Sarà un Festival ricco di contenuti, anzi inizierà prima, il mercoledì 18, per chi vuole, con una camminata di avvicinamento al festival di tre giorni lungo l'antica Via Romea di Stade, nel tratto da Bressanone a Bolzano, gratuita.
Poi da venerdì pomeriggio sarà Festival: il programma è in fase di completamento e a giorni sarà pubblicizzato, ma l'anticipazione che possiamo darvi è che ci saranno interventi creativi di altissimo livello, musica in cammino con Robert Hager, teatro in cammino con la compagnia O Thiasos, poetry slam internazionale, reading con musica con scrittori come Wu Ming 2, gli asinelli di Massimo Montanari per far camminare i più piccoli, presentazioni di libri, convegni su "La via di Stade", "Camminare e salute", "Camminare o carcere minorile?" e "Camminare per conoscere se stessi", workshop di orienteering, di nordic walking, mapping party con il Gps ma anche orientamento senza strumenti (con Franco Michieli), camminate poetiche, letterarie e artistiche a Bolzano e dintorni, stand dedicati al camminare (editoria, associazioni, e altro) nel centro storico, insomma sarà un evento così ricco che dovrete inevitabilmente scegliere a quale eventi partecipare!
Stiamo preparando il sito del festival, a giorni sarà on line. Vi terremo informati.
 

LIBERO SCAMBIO DI SEMI
L'Ecoistituto di Cesena dei fratelli Zavalloni organizza sabato 14 gennaio una giornata di libero scambio di semi, rivolta a "chiunque creda nell'importanza di autoprodursi le piantine per il proprio orto-giardino per il recupero della biodiversità del proprio territorio".
Informazioni: www.tecnologieappropriate.it
 

CORSI ALLA CASA DEL MOVIMENTO LENTO
I prossimi corsi alla Casa del Movimento Lento di Roppolo (BI), corsi dedicati ai camminatori che vogliono approfondire alcune importanti tematiche, saranno:
24 - 26 Febbraio 2012 - Federico Carli Giori
TECNOLOGIA IN CAMMINO - Corso di base per l'uso del GPS lungo i sentieri
per chi desidera utilizzare il GPS e le banche dati disponibili sul web per l'orientamento e per la pianificazione delle escursioni e dei viaggi a piedi e in bicicletta, e per gli operatori turistici che vorrebbero utilizzare le tecnologie geografiche per valorizzare il loro territorio.
2 - 4 Marzo 2012 - Giovanni Balzaretti
PAROLE IN CAMMINO - Cantiere di Narrazione
un grande "camminAttore", regista, pedagogo, ci rivela i segreti della narrazione, e ci spiega la loro utilità lungo il cammino, e nella vita di tutti i giorni.
23 - 25 Marzo 2012 - Luca Gianotti
IL CAMMINO PROFONDO - Corso di camminate consapevoli e meditative
Un seminario per approfondire gli aspetti terapeutici del camminare, provando alcuni esercizi di camminate dell'attenzione, camminate consapevoli, meditazioni camminate.
Tutte le informazioni sui corsi le trovate qui
 

READING DI DAVIDE SAPIENZA
Sabato 21 gennaio ore 20 a Fino del Monte (Bg), debutta LA MUSICA DELLA NEVE. EXPERIENCE, performance musicale letteraria tratta dall'ultimo libro di Davide Sapienza, con il musicista Giuseppe Olivini. Performance musicale letteraria ispirata al libro La Musica della Neve (Ediciclo). Quattro movimenti, un diario di viaggi bianchi, il dialogo con la neve e l'avventura, strumenti insoliti che creano l'atmosfera del viaggio bianco.
Info: www.davidesapienza.net
 

*** lettere ***

Grazie Luca! il racconto del cammino in salento è dirompente direi....
Qui a Bologna a due anni dalle rivolte di Rosarno (che tanto hanno a che fare con quei vestiti abbandonati) il 14 gennaio, saremo in piazza con circa 8 tonnellate di arance provenienti da Rosarno http://www.equosud.org/ .... perche' l'alternativa c'e' ed è quella che vogliamo praticare....
Questi vestiti nelle campagne Salentine mi hanno riportato ai braccianti sfruttati nel sud....
Tanti Auguri!
Luisa

Grazie,grazie dei vostri scritti. La poesia di Kipling la possiedo scritta davanti al mio comodino da quando avevo 20 anni. E' il vademecum, è l'essenziale per me di condurre una vita serena e felice. Grazie comunque e auguri a tutti voi.
Annalù di Ca Shin Bologna

sempre un bel numero!!
bravo Luca, un abbraccio col sorriso
Buon niente, dà grandi soddisfazioni, un buon niente in cima alla montagna con l'aria fredda e l'infinito davanti!
baci
valentina

Sento il bisogno di interiorizzare, di stare sola con me stessa, amo la montagna e le passeggiate tranquille dove non c'è caos.
Mi affascina quello che scrive Guido, quello che scrive Luca Gianotti e altri.
Ho bisogno di pace interiore, credo che il camminare mi potrà essere d'aiuto.
Maria

ciao guido.. sono d'accordo con te..tutto quello che hai scritto mi appartiene..io ho fatto il cammino di santiago nel settembre 2010..non sono piu la stessa..e non vorrei piu essere com ero.. adesso il marocco mi aspetta..ho fatto un viaggio da turista anni fa..adesso ci devo andare come pellegrina..spirito libero..sola con me stessa...non vedo l'ora che arrivi ottobre..buon anno..buon cammino.....
Mary
 

Volevo farvi i complimenti per il nuovo catalogo dei viaggi 2012: è bello graficamente, di immediata consultazione, colorato e utilissimo.
Mi piace molto anche il vostro informativo periodico "Il cammino" che leggo con molto interesse: è ricco di spunti e informazioni preziose.
Si percepisce in tutto quello che fate lo sforzo e e l'impegno per divulgare un nuovo modo di "essere" e affrontare le cose: e la passione che ci mettete che non è piu' lavoro perché diventa quasi una "missione".
Vi auguro (e mi auguro insieme a tanti altri appassionati come me) che continui cosi: a piccoli passi verso un mondo migliore.
Laura (Corsica 2011)
 

In merito all'intervista a Davide Sapienza:
Trovo decisamente illuminanti i riferimenti alla meraviglia (la stessa, mutatis mutandis, dei soldati greci di Senofonte, nell'"Anabasi", dopo aver attraversato l'Anatolia, quando gridano "talassa, talassa", "il mare, il mare") e all'inconscio che ci si manifesta attraverso l'Altro, che è anche e soprattutto la natura, e non solo l'uomo. Dunque, l'animale, ma anche ogni singolo elemento "inanimato" del cosmo, e in particolare la componente più dinamica ed essenziale di tutte, l'acqua, anche nella sua forma di fiocco di neve. Tutto è collegato a tutto, e tutto è specchio e stimolo per una maggiore conoscenza di sé, da cui scaturisce un nuovo incontro, una nuova comunione con tutto/i.
Giovanni Agnoloni
 
 

DIVENTA SOCIO DELLA COMPAGNIA
La Compagnia dei Cammini vi invita ad associarvi per l'anno 2012, un piccolo gesto per sostenere l'impegno di valorizzare sempre di più il camminare nella società, per affermare sempre di più che il camminare non è attività di pura evasione, ma è atto politico, è un gesto rivoluzionario e controcorrente per riappropriarsi del proprio tempo, della propria salute, della propria libertà e un modo diverso per relazionarsi con gli altri e con il territorio, per creare un nuovo modello di sviluppo.
Il costo della tessera annuale è di 20 euro, e far parte della Compagnia significa non solo poter partecipare ai viaggi a piedi tra soci, ma anche sostenere il nostro lavoro culturale, sostenere la newsletter quindicinale "Il cammino", partecipare ai nostri eventi, festival, camminate evento gratuite, essere coperti dall'assicurazione sulle attività associative e poter godere di sconti e facilitazioni in negozi sportivi e strutture a noi convenzionate. Le convenzioni sono in via di definizione, adesso c'è solo un piccolo elenco provvisorio, ma stiamo trattando con negozi nelle maggiori città italiane, tra un mesetto avremo l'elenco completo.
 

IL VIDEO FINALE
Ascoltiamo ancora i Muvrini, in un notiziario come questo non si può non essere di parte, che ci volete fare... E' una canzone che i Muvrini hanno voluto condividere con i loro appassionati per augurare buon anno, si intitola semplicemente "Corsica", ed è accompagnata da un "piccolo" coro di 2000 persone...

video I Muvrini: Corsica


 

E' uscito il catalogo dei viaggi a piedi 2012 della Compagnia dei Cammini. Bello fresco, pieno di novità. E' un libretto di 88 pagine, piccolo formato tascabile, lo stiamo inviando gratuitamente a tutti i soci del 2011 e a tutti quelli che ce ne fanno richiesta.
Se volete scaricare il pdf di tutto il catalogo, andate a questa pagina.
Se invece volete ricevere la copia cartacea e tenervi il libretto sul comodino per sognare i prossimi cammini, basta scrivere il vostro indirizzo postale completo a info@cammini.eu (se siete soci 2011 non serve scrivere, lo riceverete comunque).
 

Direzione, redazione e copyleft: Luca Gianotti Con il contributo di: Stephane Wittenberg, Guido Ulula alla Luna
--------------------------------------------------------------------------------
 
A norma del D.Lgs 196/2003 abbiamo reperito la tua e-mail direttamente da un messaggio che ci avevi precedentemente inviato, su tua esplicita comunicazione, navigando in rete o da un messaggio che ha reso pubblico il tuo indirizzo di posta elettronica. Questo messaggio non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendessi ricevere ulteriori comunicazioni, ti preghiamo di inviare una e-mail a luca@camminoprofondo.it con in oggetto il messaggio: "Mi si espunga"; oppure è possibile cancellarsi da soli seguendo le istruzioni dal link qui sotto. Grazie.

Per iscriversi o cancellarsi dalla nostra newsletter:
www.deepwalking.org/cammino/subscribe.htm

Gli archivi del CamminareInforma e del Cammino li trovate qui:
http://www.deepwalking.org/ilcammino.php

PER SCRIVERCI
luca@camminoprofondo.it


AMICI:

Compagnia dei Cammini Scarpa Flora

 

il Movimento Lento Venezia 2012: 3a conferenza internazionale su
            decrescita sostenibilità ecologica ed equità sociale

 

Casale le Crete Cammino profondo Ediciclo editore

 

CamminaCreta SOS EMERGENCY Aiutaci a
            non smettere Pace